Il “cafone” che si fa da solo: pagnotta integrale senza impasto (No Knead Bread)

Forza e coraggio: è venerdì!

Lo affrontiamo con una ricetta tipica per il weekend, cioè il pane fatto in casa. Si ma senza sbattimenti perché si tratta di un pane che praticamente si fa da solo! É della famiglia “senza impasto”.

Il pane fatto in casa è una passione che ho da quando ho iniziato a cucinare, insieme alla pasta fatta in casa.

Ho desiderato tanto le pentole in ghisa Le Creuset proprio per poter preparare una pagnotta croccante e profumata come quella di questa ricetta.

Sbirciando le ricette qua e là, ho ottenuto questo risultato!

Ovviamente, potete usare tutte le pentole da forno che avete (con o senza coperchio) oppure anche una classica teglia da forno andrà benissimo.

La lievitazione va dalle 10/12 ore minimo (più 1 per la forma) in estate e fino a 20 in inverno (più 2 per la forma). In ogni caso basta controllare che l’impasto raddoppi di volume e presenti delle bolle sulla superficie. Quindi, regolatevi per quando lo volete pronto e godetevi il bel tempo. Prendetevi tutto il tempo necessario perché in teoria, si dice, di attendere altre 2 ore prima di assaggiarlo.

Il lato positivo è che è davvero semplice, non servono impastatrici: tempo di amalgamare gli ingredienti (2 minuti) ed è fatto!

Se avete delle pentole più piccole di 22 cm andranno bene lo stesso, in mancanza, se vorrete ottenere delle pagnottine, fate forme più piccole. Regola i tempi di cottura in questo caso.

INGREDIENTI

  • 500 gr di farina (io ho usato 200 di Manitoba e 300 di farina integrale)
  • 350 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 2 gr di lievito fresco di birra
  • 5 gr di miele
  • 10 gr di sale
  • Farina di semola q.b.

Sciogli il lievito in due dita di acqua.

In una ciotola capiente versa le farine,

sale, miele,

acqua e anche quella con il lievito sciolto.

Con una forchetta amalgama velocemente finché l’impatto sarà uniforme è appiccicoso.

Copri la ciotola con della pellicola e fai lievitare circa 12 ore in estate (20 in inverno).

Sarà pronto quando sarà raddoppiato di volume e presenterà delle bolle.

Versa l’impasto su un piano infarinato con semola rimacinata.

Inizia a fare le pieghe:

Prendi l’impasto da un lato, tiralo leggermente

E portalo fino all’altra estremità chiudendolo a portafoglio

Continua così per tutti i lati.

Coprilo con altra farina

è un canovaccio pulito lasciandolo riposare per una o due ore.

Metti la pentola col coperchio nel forno freddo. Portalo a 230 gradi statico.

Prendi la pentola con delle pattine dal forno.

Con l’aiuto del canovaccio, versa l’impasto nella pentola e rimetti in forno caldo per 30 minuti coperto.

Trascorsi i 30 minuti, togli il coperchio e lascia cuocere altri 15 minuti finché sarà ben colorito.

Togli dal forno, lascia raffreddare e riposare circa 2 ore.

Poi affettalo per accompagnare la tua marmellata di stagione,

un tagliere di formaggi e salumi oppure utilizzalo per bruschette gustose o ancora per la classica scarpetta!

  • Per essere anche voi un po’ 💋☕ il segreto é la condivisione! Ci trovate anche qui 📲:
  • Se rifate le ricette lo vogliamo sapere è, quindi, commentate, inviateci le vostre foto o taggateci con @lipstickoncoffeecup e il nostro hashtag #lipstickoncoffeecupblog
  • 9 pensieri riguardo “Il “cafone” che si fa da solo: pagnotta integrale senza impasto (No Knead Bread)

    1. bello ben fatto, non dovrai mai preoccuparti per il futuro, come si dice impara l’arte e mettila da parte. è vero si dice che mangiare il pane caldo faccia male, ma a me piace molto anche perché tutto il suo profumo è esaltato. quando è periodo di fave fresche è sublime mangiarle con pane caldo integrale e pancetta. complimenti e buona giornata.

      Piace a 2 people

    2. Bello, bellissimo! E buonissimo!
      Anch’io lo faccio, in autunno/inverno soprattutto. La versione con farina integrale mi attira! Io uso normalmente la 0 e la 1.
      Per la cottura, chi non ha le meravigliose Le Creuset, ha tante alternative; io uso due teglie in pirex che si sovrappongono a coperchio, devo dire che sono ottime!
      Complimenti ancora ….. anche per il coraggio dell’accesione del forno!! 😉

      Piace a 1 persona

      1. Ciao cara! Grazie per le dritte sui metodi di cottura. Un’altra alternativa forse più economica: ho acquistato una semplicissima pietra refrattaria per pane e pizza alla Lidl che è eccezionale.
        Bè insomma basta avere la voglia di accendere il forno, hai ragione! Ma basta farlo la sera quando rinfresca un attimo! Buona giornata

        Piace a 1 persona

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Google photo

    Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...